Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech
itenfrdeptes
C'è bisogno di speranza
«Abbiamo bisogno di speranza, abbiamo bisogno di alzare gli occhi su orizzonti di pace, di fratellanza, di giustizia e di solidarietà. È questa l’unica via della vita, non ce n’è un’altra. Certo, purtroppo, spesso non appare facile, anzi a tratti si presenta tortuosa e in salita, la via, è vero. Ma noi sappiamo che non siamo soli, abbiamo questa sicurezza che con l’aiuto dello Spirito Santo, con i suoi doni, insieme possiamo percorrerla e renderla sempre più percorribile anche per gli altri».

Percorso pedagogico

Occorre prestare attenzione speciale ai primi mille giorni

...
Italia devota di san Giuseppe

A Valledoria, il santo Patriarca ha benedetto la terra,
la comunità cristiana

...
Amoris Laetitia
Super User
del Card. Ennio Antonelli Amoris Laetitia ha avuto interpretazioni opposte tra i pastori, tra i teologi, tra gli operatori della comunicazione sociale. Viene spontanea la domanda: rispetto alla dottrina e alla prassi tradizionale (in particolare rispetto alla Familiaris Consortio di san Giovanni Paolo II) c’è continuità, rottura, o novità nella continuità?
Arte in Basilica
Super User
Due affreschi dedicati a Maria, madre a Cana e sul Calvario. Il loro linguaggio è essenziale, ricco di accenti evangelici nascosti di don Lorenzo Cappelletti G li ultimi due affreschi realizzati nel 1971 da Silvio Consadori per la cappella della Madre della divina Provvidenza nella basilica di san Giuseppe al Trionfale raffigurano rispettivamente “Le nozze di Cana” e “La Madre ai piedi del Calvario”.

Preghiere a San Giuseppe

  • Preghiere +

     

    Preghiera della Pia Unione per i morenti


    Come impegno c’è la preghiera per i Morenti, da recitarsi devotamente anche più volte al giorno. La preghiera è la seguente:


    “O San Giuseppe,
    padre putativo
    di Gesù Cristo
    e vero sposo di Maria Vergine,
    prega per noi
    e per gli agonizzanti
    di questo giorno (o di questa notte)”



    L’“Ave” a San Giuseppe


    Rallegrati, o Giuseppe,
    pieno di grazia,
    Dio Padre è sempre con te.
    Tu sei benedetto tra tutti gli uomini,
    sposo santo della Vergine Maria,
    scelto per accogliere
    il Salvatore del mondo, Gesù.

    San Giuseppe,
    protettore del Popolo di Dio,
    guida i nostri passi
    sulla via della croce
    fino all’ora della nostra
    morte felice.

    Amen.




    Preghiera a San Giuseppe lavoratore


    Caro san Giuseppe,
    Sei stato lavoratore come noi
    e hai conosciuto la fatica e il sudore.
    Aiutaci ad assicurare lavoro per tutti.

    Sei stato un uomo giusto che ha condotto,
    nella bottega e nella comunità, una vita integra
    nel servizio a Dio e agli altri.
    Fai che anche noi siamo integri nel lavoro
    e attenti alle necessità del nostro prossimo.

    Sei stato sposo che ha portato in casa Maria già incinta
    per opera dello Spirito Santo.
    Fai che i nostri genitori accolgano le vite che Dio manda.

    Hai accettato di essere padre di Gesù
    e ti sei preso cura di lui contro chi lo voleva uccidere
    e lo hai protetto nella fuga in Egitto.
    Fa che i nostri genitori proteggano i loro figli e fìglie contro le droghe che corrompono e contro le malattie che uccidono.

    Sei stato educatore di Gesù, insegnandogli a leggere le Scritture e introducendolo alle tradizioni del suo popolo.
    Fa che conserviamo la pietà familiare
    e sempre ci ricordiamo di Dio in tutto ciò che facciamo.

    Caro san Giuseppe,
    nel tuo volto umano vediamo ritratto il volto del Padre divino.
    Che Egli ci dia rifugio, protezione
    e la certezza che siamo portati sul palmo della sua mano.
    Mostraci, san Giuseppe, la forza della tua paternità:
    Dacci determinazione di fronte ai problemi,
    coraggio di fronte ai rischi, senso del limite delle nostre forze
    e fiducia illimitata nel Padre celeste.

    Tutto questo ti chiediamo nella forza del Padre,
    nell'amore del Figlio e nell'entusiasmo dello Spirito Santo.
    Amen.



    Leggi tutto
Thursday, May 23, 2024 , Super User
Non per sospetto, ma per umiltà Giuseppe vuole rimandare la sua sposa incinta,...
Thursday, April 18, 2024 , Super User
Il tema attuale del “fine vita" può essere...
Il profeta Geremia è incaricato da Dio di minacciare sventure, mentre il...
Oggi riaccade amaramente la devastazione di Gerusalemme, su cui Isaia piange....
di Paolo VI Ai lavoratori cristiani è affidata la missione di testimoni e...
Le famiglie guardino al “tipico” quadro che è la...
Primo Mistero della luce: Battesimo di Gesù di p. Ottavio De Bertolis sj...
Secondo Mistero della gioia: la Visitazione di...
Non basta averli in testa; occorre che essi diventino vita. E quando vi è un...
Da ciò che è più esteriore fino all’intimità spirituale, i valori guidano le...
Nel libro Illustrissimi Giovanni Paolo I raccolse lettere immaginarie a personaggi storici e letterari, a santi e meno santi. Pagine piacevoli e profonde dove si ritrova il senso del suo pontificato di Cristiana Lardo Nel 1976 Albino Luciani, all’epoca patriarca di Venezia, diede alle stampe una raccolta di lettere immaginarie, che aveva già pubblicato negli anni precedenti (1971-1975) sul mensile Il Messaggero di sant’Antonio . Albino Luciani, prima vescovo di Vittorio Veneto e poi patriarca di Venezia, il 26 agosto 1978 fu eletto papa con il nome di Giovanni Paolo I, ma dopo soli trentatré giorni morì all’improvviso a causa di problemi cardiaci. Il 4 settembre 2022 è stato proclamato beato.
Thursday, May 23, 2024 , Super User
Ispirato dalla vita nascosta di san Giuseppe, il vescovo Marello ha fondato gli Oblati di san Giuseppe Affidò loro il servizio dei bisognosi nelle parrocchie e raccomandò l’imitazione del santo Patriarca di Corrado Vari «Fare gli interessi di Gesù», fu il motto della sua vita e per questo si rispecchiò totalmente in san Giuseppe, lo sposo di Maria e il custode del Redentore. Di san Giuseppe lo attrasse fortemente il servizio nascosto, nutrito di profonda interiorità. E questo “stile” seppe trasfondere negli Oblati di san Giuseppe, la congregazione religiosa da lui fondata. A essi amava ripetere: «Siate straordinari nelle cose ordinarie» e aggiungeva: «Siate certosini in casa e apostoli fuori casa». Della sua robusta personalità, il Signore volle servirsi per la sua Chiesa, chiamandolo all'episcopato nella diocesi di Acqui, dove, in pochi anni, spese per il gregge tutte le sue energie, lasciando un’impronta che il tempo non ha cancellato.
Cosa Significa la consacrazione della Russia e dell’Ucraina di G. Cantaluppi P...
Sollecitudine della Chiesa per i defunti di...
Simone Zelota è compagno di Giuda Taddeo nella predicazione e nella...
De Rossi lo definì «il più magnifico dei...
Litanie del Sacro Cuore di Gesù di Ottavio De Bertolis «Buono e pietoso è il...
di Ottavio De Bertolis «Esultino nel loro re i...
700° anniversario dalla morte di Dante Alighieri di Stefania Severi Terminiamo...

#Puntidiriferimento

Cosa Significa la consacrazione della Russia e dell’Ucraina di G. Cantaluppi P er chi ha il cuore “puro”, cioè libero da pregiudizi e chiusure...
Sollecitudine della Chiesa per i defunti di Gabriele Cantaluppi Don Guanella iIn una circolare scritta ai Servi della Carità nel 1913 invitava a...
Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech