Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech

Translate

Una coppia aspetta da molto un bambino e finalmente lei rimane incinta. Dalle varie analisi emerge però che il feto ha varie malformazioni, tali da mettere in forse la sua nascita o per lo meno da condizionare la sua esistenza, costringendolo a una vita “diversa”. Qualcuno dei miei amici, anche credenti, afferma che in casi in cui vi è la certezza di pesanti malformazioni o, al limite, quando è in pericolo la vita della madre, è lecita la pratica dell’aborto. Cosa dice la morale cristiana?

Papa Francesco è esplicito nella Evangelii Gaudium quando afferma che fra le persone più deboli «di cui la Chiesa vuole prendersi cura ci sono i bambini nascituri, a cui si vuole negare la dignità umana», dimenticando che «un essere umano è sempre sacro e inviolabile in qualunque situazione e in ogni fase del suo sviluppo» (EG 21,3).

La filosofia di fondo che sottintende la mentalità abortista è sovente l’idea di evitare al bambino una vita “diversa”, magari segnata dalla sofferenza a causa della patologia o della difficoltà che incontrerà per trovare un posto in una società dominata dalla “cultura dello scarto”, ma in realtà assai spesso è un’ipocrisia che copre la concezione che la vita sia vera solo quando è in grado di produrre e offrire prestazioni. Spesso si definisce l’aborto come un mezzo terapeutico : è una falsità, perché le terapie servono a curare, mentre qui si tratta di un vero aborto eugenetico, destinato a eliminare il problema alla radice. Le diagnosi prenatali possono aiutare a conoscere lo stato di salute di un nascituro, permettendo terapie adeguate e anche di prepararsi psicologicamente all’accoglienza, che può anche essere delicata e combattuta.

Purtroppo però oggigiorno nella nostra società occidentale spesso la diagnosi indesiderata diventa l’anticamera dell’aborto. In Italia, per esempio, si fanno tanti proclami sull’accoglienza delle persone Down: ma pochi sanno che l’80% dei bambini Down vengono abortiti. La legge italiana permette l’aborto eugenetico entro il novantesimo giorno dal concepimento: non si capisce che differenza ci sia, nel rispetto della vita, fra un feto Down di due mesi e mezzo e uno di sei mesi o di un neonato Down. Ancora Papa Francesco ha avuto parole forti sull’aborto, definendolo un dramma e uno dei più grandi problemi del nostro tempo, delineando allo stesso tempo due atteggiamenti: quello di chi lo vive «con una consapevolezza superficiale, quasi non rendendosi conto del gravissimo male che un simile atto comporta», e invece di quelli che «pur vivendo questo momento come una sconfitta, ritengono di non avere altra strada da percorrere».

Egli ha voluto concedere, in questo anno della misericordia, a tutti i sacerdoti la facoltà di sciogliere dalla sco­mu­nica e assolvere le donne che hanno abortito e coloro che hanno cooperato all’aborto, con lo scopo che attraverso il loro ministero sacramentale aiutino a «comprendere il peccato commesso e indicare un percorso di conversione autentica per giungere a cogliere il vero e generoso perdono del Padre che tutto rinnova con la sua presenza».

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech