Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech

Novità con gennaio all’interno della Cism (Conferenza italiana dei superiori maggiori) della Lombardia: il nuovo presidente eletto è don Marco Grega, Superiore provinciale dei Guanelliani, che succede al Salesiano don Claudio Cacioli. Le altre cariche sono state assegnate a don Giuliano Giacomazzi, vicepresidente, e a fra’ Alessandro Ferrari, segretario.

Progetti guanelliani di agricoltura sociale 

di Paola D'Amico

Lo hanno chiamato. “È fatto in casa”. È il nome del progetto di agricoltura sociale dell’Opera don Guanella che ha come partner le tre sedi di Como, Lecco e Genova e le due cooperative sociali agricole nate al loro interno, “Cooperativa Pane e Signore” e “Cascina don Guanella” e che Buone Notizie sostiene per un mese. L’obiettivo è realizzare tre laboratori per la trasformazione, la lavorazione e i confezionamento dei tanti prodotti agroalimentari a marchio “fatti in casa” – ci sono le conserve, le marmellate, i vini, i formaggi di capra – ma anche creare una nuova linea di vendita e soprattutto da vita a percorsi di formazione-inserimento lavorativo per persone con disabilità o in altre situazioni di disagio e fragilità sociale.

Discorso di Paolo VI per la beatificazione di don Luigi Guanella 

di Gabriele Cantaluppi

Il 14 ottobre di quest’anno verrà proclamato santo Paolo VI, che a noi guanelliani si è mostrato vero  padre in qualche circostanza di prova e soprattutto perché è stato lui a innalzare all’onore degli altari il nostro Fondatore. Il 24 ottobre 1964 nella basilica vaticana, parata a festa in uno splendore di luci e colori come era abitudine a quei tempi, l’immagine di don Guanella trionfava nella “gloria” del Bernini. Il papa, secondo il rito andato in disuso con Giovanni Paolo II, scendeva nel pomeriggio in basilica per venerare il nuovo Beato, proclamato in suo nome dal cardinale Paolo Marella, arciprete della basilica, al mattino.

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech