Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech

Translate

Chi arriva a Roma sosta sempre almeno per un attimo di raccoglimento davanti all’Altare della Patria, davanti al monumento del Milite ignoto. Ai fianchi del braciere sempre fiammeggiante, vegliano, ventiquattro ore al giorno, due militari come guardie d’onore ai caduti per la Patria. 
Anche per gli iscritti alla Pia Unione del Transito di San Giuseppe c’è la possibilità di essere guardie d’onore per San Giuseppe. Non si veglia davanti ad un morto, ma davanti a chi ha svolto un ruolo assai importante per il bambino Gesù e la Madonna e che ora intercede per tanti fratelli giunti al traguardo dell’esistenza.
In questa iniziativa gli iscritti alla Pia Unione decidono di impegnarsi per un’ora al giorno o alla settimana o al mese a stare in compagnia  di San Giuseppe nell’offrire atti di amore e di solidarietà affettiva ai morenti e a chi lotta nella vita.
In quest’ora non si tratta di stare in ginocchio o in preghiera, ma di innestare un’intenzione particolare nel lavoro o nelle faccende, in modo che siano compiute con quell’intensità di attenzione di  amore che avrebbe impegnato San Giuseppe nella sua vita a Nazareth. Una mamma, che sia a casa o al lavoro, pensa spesso ai propri figli. Così è anche per l’ora  nostra: si inizia con una piccola preghiera e la si conclude con un’invocazione a San Giuseppe. Le modalità di adesione, semplicissime, sono indicate su una pagellina che inviamo agli associati che vogliono impegnarsi nel consacrare la propria ora di bontà e solidarietà verso i morenti.
Il servo di Dio, il professor Giorgio La Pira, il “sindaco santo”, sosteneva - e lo ripeteva spesso – che le preghiere e le buone azioni, anche se silenziose o nascoste, non solo salgono a Dio, ma scendono nelle correnti sotterranee della storia umana per riscaldare le radici della storia stessa e così far maturare frutti di bontà, di pace e di giustizia.
I lettori che desiderano  iscriversi all’Ora di San Giuseppe  possono inviare alla Pia Unione  la loro adesione indicando, ovviamente, nome e cognome, l’ora (dall’ora… all’ora…) che quotidianamente, settimanalmente o mensilmente intendono dedicare ad onore di San Giuseppe, tenendo desta l’attenzione a favore degli agonizzanti.
Da parte nostra invieremo la pagellina, in cui saranno indicate l’ora scelta, la preghiera iniziale e quella finale.

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech