Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech
Afrikaans Arabic Catalan Chinese traditional English French German Japanese Portuguese Russian Turkish
Giovedì, 22 Luglio 2021 13:22

Le ferie palestra di un'umanità ravvivata

Written by
Rate this item
(0 votes)

Condividi i nostri contenuti!

Il tempo delle ferie trova il suo centro di gravità nei nostri sensi. Nel tempo libero le attività sensoriali vengono stimolate dalla visita a luoghi nuovi, dalla frequentazione di ambienti nuovi, dal rinnovato messaggio offerto dalla natura e dalle bellezze che sappiamo scoprire. 

Le celebrazioni degli avvenimenti radicali delle nostra fede cristiana hanno bagnato gioiosamente la memoria di Cristo morto per amore e risorto come primizia in un corpo trasformato di immortalità. Ed ogni domenica – “piccola pasqua” settimanale - la comunità ecclesiale proclama di credere anche nella “comunione dei santi”. 

Questa verità professata sulla linea dell’insegnamento di san Paolo è a fondamento anche dell’ultima Enciclica di papa Francesco Fratelli tutti, laddove si enuncia che tra i tutti i battezzati esiste un legame di fraternità, anche se poi la realtà della redenzione ha abbracciato tutti gli uomini.

In questa comunione cosmica dobbiamo ricordare che anche tutto il sensibile ha un suo compimento in «quei cieli nuovi e terre nuove» di cui parla la Bibbia: «I mezzi con cui lo Spirito Santo ha deciso di arrivare a noi sono scelti tra i più semplici e familiari: un po’ di acqua, un po’ di olio, un po’ di pane, e…. una persona». Comunicarsi significa mangiare la carne spiritualizzata di Cristo per diventare a nostra volta partecipi della potenza della sua Resurrezione. In questo senso, è opportuno sottolineare che «la materia non sia affatto esclusa dalla redenzione: essa un giorno sarà salvata completamente e fin da ora aspira a questo rinnovamento. Tutte le creature che un giorno si associeranno alla nostra felicità eterna, già da ora collaborano alla nostra felicità eterna». Così, in questo tempo di maggior libertà dai nostri impegni lavorativi, “ruminiamo” nella nostra riflessione i panorami disegnati e colorati dalla mano misericordiosa di Dio perché diventino isole di luce nelle nebbie del nostro vivere quotidiano per scoprire che la terra stessa è un sacramento di Dio, un segno sensibile del suo amore. In tutto ciò che i nostri occhi di carne vedono è annunciata la garanzia di un futuro: come nel chicco sepolto nella terra una spiga, nel fiore un frutto, nel pugno di tenebre un’alba destinata a diventare carezza di luce e di coraggio. 

Read 5339 times Last modified on Sabato, 24 Luglio 2021 13:47

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech