Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech

L’11 febbraio si celebrerà la XXVII Giornata Mondiale del Malato, dedicata al tema “Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date”. Per la esemplare testimonianza di amore e dedizione nei confronti di poveri e malati da parte di Santa Teresa di Calcutta, canonizzata dal Papa il 4 settembre del 2016, la Giornata avrà la sua celebrazione solenne proprio a Calcutta, la megalopoli indiana dove per diversi decenni operò Madre Teresa.

Qui di seguito i passaggi iniziali del messaggio papale per la XXVII Giornata Mondiale del Malato che si può leggere integralmente sul sito.

“Cari fratelli e sorelle, «Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date» (Mt 10,8). Queste sono le parole pronunciate da Gesù quando inviò gli apostoli a diffondere il Vangelo, affinché il suo Regno si propagasse attraverso gesti di amore gratuito. In occasione della XXVII Giornata Mondiale del Malato, che si celebrerà in modo solenne a Calcutta, in India, l’11 febbraio 2019, la Chiesa, Madre di tutti i suoi figli, soprattutto infermi, ricorda che i gesti di dono gratuito, come quelli del Buon Samaritano, sono la via più credibile di evangelizzazione. La cura dei malati ha bisogno di professionalità e di tenerezza, di gesti gratuiti, immediati e semplici come la carezza, attraverso i quali si fa sentire all’altro che è “caro”. La vita è dono di Dio, e come ammonisce San Paolo: «Che cosa possiedi che tu non l’abbia ricevuto?» (1 Cor 4,7). Proprio perché è dono, l’esistenza non può essere considerata un mero possesso o una proprietà privata, soprattutto di fronte alle conquiste della medicina e della biotecnologia che potrebbero indurre l’uomo a cedere alla tentazione della manipolazione dell’“albero della vita” (cfr Gen 3,24).

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech