Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech

La preghiera non è mai inutile

Rev. Don Mario,

è con grande gioia e gratitudine che scrivo, per testimoniare pubblicamente una grazia ricevuta di recente.

È vero quello che lei dice spesso e cioè che san Giuseppe a volte ritarda nell'esaudire le nostre richieste, ma Egli non ci lascia mai a mani vuote. Ho pregato a lungo con il Sacro Manto affinché mio figlio ottenesse un lavoro e la grazia è arrivata qualche mese fa. 

Non ho mai smesso di confidare nell'aiuto del caro san Giuseppe alla cui protezione ho affidato tutti i membri della mia famiglia.

In segno di gratitudine invio una piccola offerta a sostegno delle vostre opere caritative e vi assicuro la mia quotidiana preghiera per il bene che fate.

Caterina Strano e famiglia 

Cara e gentile signora Caterina, 

il primo sentimento è di gratitudine per la sua compagnia di preghiera con cui segue il nostro compito di essere seminatori di speranza lungo il cammino della nostra vita terrena.  La bontà divina, attraverso le mani di san Giuseppe, riempie il nostro tempo come fosse un laboratorio in cui aiutiamo lo Spirito Santo a scolpire nel nostro animo, in modo indelebile, il sorridente volto di Gesù sulle nostre vicende umane.

Papa Francesco ha detto che «qualche volta abbiamo chiesto e non ottenuto. Gesù ci insegna a non darci per vinti. La preghiera trasforma sempre la realtà, sempre. Se non cambiano le cose attorno a noi, almeno cambiamo noi, cambia il nostro cuore. Gesù ha promesso il dono dello Spirito Santo ad ogni uomo e donna che pregano». 

Le garantisco che ogni giorno preghiamo per i nostri associati per riempire con la forza dello Spirito le tante solitudini e illuminare con la fiducia i molti volti della disperazione.


Solidale partecipazione alla missione di carità

Carissimo don Mario,

le ho inviato una offerta con il desiderio di aiutare il prossimo bisognoso e anche per abituarmi a nuotare contro corrente in un mondo in cui spesso crediamo di essere onnipotenti. Siamo spesso influenzati e condizionati sempre più da questo materialismo imperante dimenticando la necessità del prossimo. 

Mandando un mio pur modesto contributo alla vostra missione di carità, non ho fatto niente di straordinario, ma il minimo, per dimostrare che sono, con tutti i miei limiti, un cristiano in cammino.

Per questo ringrazio sempre il buon Dio e i miei adorati nonni, che già sono in cielo, e che, in vita, mi hanno educato nella fede e mi hanno iscritto alla Pia Unione del Transito di San Giuseppe. Prego per le loro anime, ma per tutta la famiglia della Pia Unione. Grazie, don Mario, per la sua gentilezza e per tutto quello che fate in nome del Vangelo.  

 Eugenio Ziviello 

Caro Eugenio,

ho già ringraziato per la sua partecipazione alla nostra missione, ma voglio rinnovare pubblicamente la gioia di essere sostenuti dalla preghiera dei nostri associati: la preghiera è l’ossigeno dell’anima. Ma la voglio ringraziare anche  per il suo accenno ai suoi cari nonni che l’hanno avviato ad un tenero rapporto con il papà terreno di Gesù, san Giuseppe. La grande santa Teresa d’Avila, che ha iniziato la rinforma del Carmelo nel nome di san Giuseppe, ci ha lasciato questo suggerimento: in ogni vicenda difficoltosa «Rivolgetevi in qualche vicenda all’efficace intercessione del Patriarca San Giuseppe; andate con vera fede a lui e resterete certamente esauditi   nelle vostre domande».

Colgo l’occasione per suggerire ai nonni e alle nonne di iscrivere i propri nipoti al gruppo «Giovani amici di san Giuseppe». All’atto di iscrizione rilasciamo un attestato con la preghiera dei ragazzi a san Giuseppe per i loro genitori.

Per i genitori la preghiera dei loro figlioli sarà una carezza affettuosa che riscalderà il cuore. 


Nota della Direzione

Per iscrivere i ragazzi e ragazze tra “Giovani amici di san Giuseppe” è sufficiente inviare per posta o per e-mail nome e cognome del ragazzo con il suo indirizzo e anche quello dei genitori, nonni o zii.

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech