Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech

Translate

Attenzione. Ascolta i nostri testi!

Benvenuti sul sito della Pia Unione del Transito. Se vuoi ascoltare evidenzia il testo e clicca sull'icona dell'audio
Toggle Bar

Del tempo con San Giuseppe

Trasmissione - aprile 2018

Trasmissione - aprile 2018 Trasmissione - aprile 2018
Ascolta ora!

A tutte le ascoltatrici e agli ascoltatori di Radio Mater un gioioso saluto, illuminato...
Read More...

Trasmissione - marzo 2018

Trasmissione - marzo 2018 Trasmissione - marzo 2018
Ascolta ora!

Un bentrovati a tutti gli ascoltatori e le ascoltatrici sintonizzati sulle onde di Radio...
Read More...
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Il direttore, su Tv2000 il 9 novembre

La nostra Rivista

Clicca sull'immagine per ingrandire e sfogliare la rivista
 

Fai la tua offerta!


Confidenziale

Festeggiamo l'apertura della porta del cielo in "d...
Festeggiamo l'apertura della porta del cielo in

Pasqua 2018 di Mario Carrera Gesù risorto ha fatto fiorire nell’animo di Tommaso la beatitudine [ ... ]

Primavera dello Spirito
Primavera dello Spirito

di Mario Carrera «Come una candela viene accesa  alla fiamma di un'altra candela, così dalla fed [ ... ]

Other Articles

Lettere su Maria

Maria donna coraggiosa
Maria donna coraggiosa

di monsignor Tonino Bello Sarà stato effetto di quel «non temere» pronunciato dall’ angelo del [ ... ]

Maria donna del sabato santo
Maria donna del sabato santo

di monsignor Tonino Bello Santa Maria, donna del Sabato santo, guidaci per mano alle soglie della l [ ... ]

Other Articles

Spiritualità e famiglia

Accompagnamento
Accompagnamento

L'Amoris laetitia di Nico Rutigliano Se l’aereo perde velocità, va in stallo. Per prendere quot [ ... ]

L'Amoris laetitia interpella la pastorale
L'Amoris laetitia interpella la pastorale

di Nico Rutigliano L’’esortazione apostolica Amoris laetitia è nata da lavori sinodali, cioè  [ ... ]

Other Articles

Vita della Chiesa

Alcuni spunti per una spiritualità della vedova

La vedova rivela i due atteggiamenti fondamentali della Chiesa (sposa) davanti a Cristo (sposo): l [ ... ]

Orfane di affetto rigenerano amore
Orfane di affetto rigenerano amore

Ordo Viduarum di Adelio Antonelli Cosa?... Mica ho capito male. E che cos’è questo Ordo Viduaru [ ... ]

Other Articles

Teologia di San Giuseppe

Il silenzio operativo del capo cantiere di una nuo...
29 Mar 2017 14:24 - Super UserIl silenzio operativo del capo cantiere di una nuova epoca

di Angelo Forti La figura di san Giuseppe in questi ultimi decenni si è affacciata sul palcoscenic [ ... ]

Other Articles

Bussola dello Spirito

Quale immortalità?
Quale immortalità?

a cura di Gabriele Cantaluppi Saremmo stati immortali se non ci fosse stata la disobbedienza di Ada [ ... ]

Quale immortalità?
Quale immortalità?

a cura di Gabriele Cantaluppi Saremmo stati immortali se non ci fosse stata la disobbedienza di Ada [ ... ]

Other Articles

Don Luigi Guanella Santo

Il sapore della terra si fa profumo di cielo

Il sapore della terra si fa profumo di cielo Il sapore della terra si fa profumo di cielo
di Mario Carrera Recita un proverbio orientale: «Chi si mette in mostra da sé non verrà mai in luce; chi si approva da sé non verrà mai considerato; chi si vanta da sé non avrà mai valore e chi...
Read More...

Don Guanella il santo del "mezzo passo in più"

Don Guanella il santo del "mezzo passo in più" Don Guanella il santo del "mezzo passo in più"
del card. Tarcisio Bertone   Carissimi fratelli e sorelle! All’indomani della Canoniz­zazione di Don Luigi Gua­nella, ci ritroviamo con gioia nella Basilica di San Pietro per elevare a Dio il...
Read More...

Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti

Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti
Brano dall'omelia di Benedetto XVI La testimonianza umana e spirituale di san Luigi Guanella è per tutta la Chiesa un particolare dono di grazia. Durante la sua esistenza terrena egli ha vissuto con...
Read More...
  • 1
  • 2

Venerabile Aurelio Bacciarini

La totalità del suo dono dalla linfa della sua fede

La totalità del suo dono dalla linfa della sua fede La totalità del suo dono dalla linfa della sua fede
Chiuso a Lugano il Centenario del venerabile Bacciarini di Nino Minetti Le comunità guanelliane del Canton Ticino in Svizzera e alcune lombarde della Provincia Sacro Cuore e delle Figlie di Santa Maria...
Read More...

Bacciarini alla Madonna del Sasso

Bacciarini  alla  Madonna del Sasso Bacciarini alla Madonna del Sasso
di Gabriele Cantaluppi Monsignor Bacciarini ebbe coscienza viva delle provocazioni che l’epoca in cui viveva  poneva alla diffusione del messaggio cristiano. Era fortemente convinto che la visibilità...
Read More...

Bacciarini instancabile pellegrino

Bacciarini instancabile pellegrino Bacciarini instancabile pellegrino
di Violetta Ferrario Monsignor Bacciarini promosse costantemente i pellegrinaggi, ritenendoli «uno storico trionfo di fede e di pietà», e anche una forma più efficace di apostolato moderno e parte...
Read More...

I romani inventarono le strade, i cristiani i pellegrinaggi

I romani inventarono le strade, i cristiani i pellegrinaggi I romani inventarono le strade, i cristiani i pellegrinaggi
di Angelo Forti In appendice alla sua Lettera, l’autore dell’epistola agli ebrei  invita il cristiano a uscire dal suo “accampamento”, dal perimetro della propria vita per avviarsi sempre di...
Read More...

Trasmissione Radio Vaticana con i testi di don Mario Carrera

La vita che scaturisce

di Angelo Forti

Un prete di una parrocchia dell’hinterland milanese, qualche mese fa scriveva al Direttore del quotidiano “Avvenire”: «I ragazzi che ti vedono fuori dalla Chiesa con la stola viola in una brevissima pausa dalle confessioni ti guardano come un marziano...». Erano le sensazioni di un prete che esercitava la sua missione là dove si affollano i capannoni industriali e i grandi centri commerciali, realtà grigie  che di sera e di notte si illuminano, giganteschi, come fossero cattedrali. In quel territorio «Pare che si muova tutto, tranne che l'essenziale», osserva il sacerdote. In effetti è così stridente il contrasto fra la Pasqua degli esodi in autostrada, delle vacanze, della televisione accesa nelle case, e la memoria della vera Pasqua, nella quale si rende di vibrante attualità l’uccisione di un Innocente, coperto di sputi e dileggiato  dagli insulti. Si celebra quel corpo appeso a una croce che esala l'ultimo respiro, e poi, bianco e immoto, avvolto in un lenzuolo viene calato nel sepolcro.

«È così difficile oggi, serbare almeno in sé il silenzio del Sabato santo. E, mancando la percezione della morte attraversata da Cristo - scriveva Marina Corradi nella risposta a quella lettera - anche la gioia della Resurrezione è sminuita. Accade tutti gli anni, lo sappiamo, ci siamo abituati. Abbiamo ancora bisogno di Uno che sia risorto? A guardarsi attorno superficialmente, si potrebbe dire di no. Ma quello stesso sacerdote ha nella mente le ore in confessionale, dove approdano i dolori e i mali di cui sempre si tace. Famiglie sfasciate, tradimenti, abbandoni. Eppure è proprio nel dolore che noi uomini impariamo di non bastarci, di non essere autosufficienti. La morte di qualcuno caro ci mostra drammaticamente quanto bisogno abbiamo, di Uno che sia risorto. Perché se Cristo non è risorto dai morti «la nostra speranza è vana», e quel volto caro non lo rivedremo mai più. Come una saracinesca di acciaio che cade con fragore, definitiva, sui nostri affetti e ricordi. «Se quell'Uno non è risorto, anche la nostra morte è per sempre».

Il tempo della redenzione e della salvezza non esaurisce la sua linfa vitale e continua a movimentare quel patrimonio di carità che la Pasqua di risurrezione  ha regalato al mondo. «Per questo c'è ancora un popolo che sfugge al pensiero unico, che a Pasqua si inginocchia, mendica, domanda. Un popolo che testimonia che Cristo è vivo nella quotidianità monotona del lavoro, negli affanni, nelle amicizie». Le forse fisiche potranno diminuire, la capacità di vibrare sentimentalmente può attenuarsi, ma il tessuto sottile dell’anima rimane elastico come un cuore giovane e avverte la freschezza di una novità quotidiana ed è pervaso di nostalgia di eternità.

Forse qualcuno continuerà a vedere il prete «come un marziano, ma un giorno si ricorderanno di quello strano uomo che alla vigilia di Pasqua era lì. Gratuitamente, ad ascoltare, a perdonare, a ridare una speranza» nel sacramento della confessione. 

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech