Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech

Translate

Attenzione. Ascolta i nostri testi!

Benvenuti sul sito della Pia Unione del Transito. Se vuoi ascoltare evidenzia il testo e clicca sull'icona dell'audio
Toggle Bar

Del tempo con San Giuseppe

Trasmissione - aprile 2018

Trasmissione - aprile 2018 Trasmissione - aprile 2018
Ascolta ora!

A tutte le ascoltatrici e agli ascoltatori di Radio Mater un gioioso saluto, illuminato...
Read More...

Trasmissione - marzo 2018

Trasmissione - marzo 2018 Trasmissione - marzo 2018
Ascolta ora!

Un bentrovati a tutti gli ascoltatori e le ascoltatrici sintonizzati sulle onde di Radio...
Read More...
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Il direttore, su Tv2000 il 9 novembre

La nostra Rivista

Clicca sull'immagine per ingrandire e sfogliare la rivista
 

Fai la tua offerta!


Confidenziale

Festeggiamo l'apertura della porta del cielo in "d...
Festeggiamo l'apertura della porta del cielo in

Pasqua 2018 di Mario Carrera Gesù risorto ha fatto fiorire nell’animo di Tommaso la beatitudine [ ... ]

Primavera dello Spirito
Primavera dello Spirito

di Mario Carrera «Come una candela viene accesa  alla fiamma di un'altra candela, così dalla fed [ ... ]

Other Articles

Lettere su Maria

Maria donna coraggiosa
Maria donna coraggiosa

di monsignor Tonino Bello Sarà stato effetto di quel «non temere» pronunciato dall’ angelo del [ ... ]

Maria donna del sabato santo
Maria donna del sabato santo

di monsignor Tonino Bello Santa Maria, donna del Sabato santo, guidaci per mano alle soglie della l [ ... ]

Other Articles

Spiritualità e famiglia

Accompagnamento
Accompagnamento

L'Amoris laetitia di Nico Rutigliano Se l’aereo perde velocità, va in stallo. Per prendere quot [ ... ]

L'Amoris laetitia interpella la pastorale
L'Amoris laetitia interpella la pastorale

di Nico Rutigliano L’’esortazione apostolica Amoris laetitia è nata da lavori sinodali, cioè  [ ... ]

Other Articles

Vita della Chiesa

Alcuni spunti per una spiritualità della vedova

La vedova rivela i due atteggiamenti fondamentali della Chiesa (sposa) davanti a Cristo (sposo): l [ ... ]

Orfane di affetto rigenerano amore
Orfane di affetto rigenerano amore

Ordo Viduarum di Adelio Antonelli Cosa?... Mica ho capito male. E che cos’è questo Ordo Viduaru [ ... ]

Other Articles

Teologia di San Giuseppe

Il silenzio operativo del capo cantiere di una nuo...
29 Mar 2017 14:24 - Super UserIl silenzio operativo del capo cantiere di una nuova epoca

di Angelo Forti La figura di san Giuseppe in questi ultimi decenni si è affacciata sul palcoscenic [ ... ]

Other Articles

Bussola dello Spirito

Quale immortalità?
Quale immortalità?

a cura di Gabriele Cantaluppi Saremmo stati immortali se non ci fosse stata la disobbedienza di Ada [ ... ]

Quale immortalità?
Quale immortalità?

a cura di Gabriele Cantaluppi Saremmo stati immortali se non ci fosse stata la disobbedienza di Ada [ ... ]

Other Articles

Don Luigi Guanella Santo

Il sapore della terra si fa profumo di cielo

Il sapore della terra si fa profumo di cielo Il sapore della terra si fa profumo di cielo
di Mario Carrera Recita un proverbio orientale: «Chi si mette in mostra da sé non verrà mai in luce; chi si approva da sé non verrà mai considerato; chi si vanta da sé non avrà mai valore e chi...
Read More...

Don Guanella il santo del "mezzo passo in più"

Don Guanella il santo del "mezzo passo in più" Don Guanella il santo del "mezzo passo in più"
del card. Tarcisio Bertone   Carissimi fratelli e sorelle! All’indomani della Canoniz­zazione di Don Luigi Gua­nella, ci ritroviamo con gioia nella Basilica di San Pietro per elevare a Dio il...
Read More...

Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti

Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti
Brano dall'omelia di Benedetto XVI La testimonianza umana e spirituale di san Luigi Guanella è per tutta la Chiesa un particolare dono di grazia. Durante la sua esistenza terrena egli ha vissuto con...
Read More...
  • 1
  • 2

Venerabile Aurelio Bacciarini

La totalità del suo dono dalla linfa della sua fede

La totalità del suo dono dalla linfa della sua fede La totalità del suo dono dalla linfa della sua fede
Chiuso a Lugano il Centenario del venerabile Bacciarini di Nino Minetti Le comunità guanelliane del Canton Ticino in Svizzera e alcune lombarde della Provincia Sacro Cuore e delle Figlie di Santa Maria...
Read More...

Bacciarini alla Madonna del Sasso

Bacciarini  alla  Madonna del Sasso Bacciarini alla Madonna del Sasso
di Gabriele Cantaluppi Monsignor Bacciarini ebbe coscienza viva delle provocazioni che l’epoca in cui viveva  poneva alla diffusione del messaggio cristiano. Era fortemente convinto che la visibilità...
Read More...

Bacciarini instancabile pellegrino

Bacciarini instancabile pellegrino Bacciarini instancabile pellegrino
di Violetta Ferrario Monsignor Bacciarini promosse costantemente i pellegrinaggi, ritenendoli «uno storico trionfo di fede e di pietà», e anche una forma più efficace di apostolato moderno e parte...
Read More...

I romani inventarono le strade, i cristiani i pellegrinaggi

I romani inventarono le strade, i cristiani i pellegrinaggi I romani inventarono le strade, i cristiani i pellegrinaggi
di Angelo Forti In appendice alla sua Lettera, l’autore dell’epistola agli ebrei  invita il cristiano a uscire dal suo “accampamento”, dal perimetro della propria vita per avviarsi sempre di...
Read More...

Trasmissione Radio Vaticana con i testi di don Mario Carrera

di Giovanni Cucci

Vivere l’amicizia richiede anche la capacità di stare bene con se stessi, con il proprio mondo interiore, e di saper accettare la solitudine. La solitudine è la situazione caratteristica di ogni essere umano, ma il celibe la avverte in modo particolare come rinuncia al rapporto esclusivo con un’altra persona; è una prova che si deve attraversare per poter conoscere il mistero d’amore di Dio, che è «più intimo a me di me stesso» (Sant’Agostino): la persona religiosa è essenzialmente chiamata a stare da sola con il Signore, come nota il vangelo a proposito della chiamata degli apostoli da parte di Gesù, «Ne costituì dodici che stessero con lui» (Mc 3, 14).

La solitudine è un banco di prova indispensabile che saggia la solidità e la verità di un’amicizia: chi non sa stare bene con se stesso difficilmente potrà avere relazioni serene con altri. Accettare la propria solitudine è segno di maturità, di non essere succubi della dipendenza affettiva, ma capaci di intimità, di fedeltà e quindi di amicizia, accettando, qualora fosse necessario, di farsi da parte per il bene dell’altro. Il senso di solitudine accompagna d’altra parte anche la vita matrimoniale perché c’è un aspetto interiore, un vuoto che nessuno potrà colmare; questa impossibilità, qualora non venga accettata, può portare a investimenti illusori sull’altro, a pretese irrealizzabili ed al fallimento dell’unione. C’è sempre un fondo di sé che non riesce a condividere, un vuoto che non si può colmare, la relazione, anche la più riuscita, non potrà mai essere fusione simbiotica con l’altro: «È una idea illusoria della vita emotiva che due metà, due parti, formino un intero […]. Mai due vasi rotti diventano sani col fatto di stare uno accanto all’altro, in coppia. Il presupposto del buon legame amoroso è che l’accoppiamento non sia di due “metà”, ma di due interi» (Todisco).

L’esperienza della solitudine, con la sua sofferenza, mostra la nostra situazione esistenziale di povertà, di incapacità a colmare il cuore vuoto; la sofferenza che essa comporta, se riconosciuta e accolta come un elemento caratteristico di creaturalità e non come una maledizione, può anch’essa costituire un segno importante della qualità della relazione che si sta costruendo, non facendo dell’amico un idolo, un assoluto affettivo: nessun amico potrà colmare quel deserto. Tale riconoscimento è d’altronde importante anche nella relazione con il Signore, perché si è giunti a riconoscere che senza di lui la vita diventa insopportabile e senza senso. La dimensione essenziale che ogni uomo sperimenta nella solitudine è dunque segno di un’intimità che va custodita e rispettata: il nostro animo non è uno specchio trasparente che tutti possono leggere, ma custodisce un segreto che spesso neppure noi conosciamo: «La più profonda verità su noi stessi è che non siamo soli. Nel punto più profondo del mio essere c’è Dio, che mi dona l’abbondanza della vita […]. Se riusciamo a entrare in questo deserto e a incontrarvi Dio, diverremo liberi di amare disinteressatamente, liberamente, senza dominare o plagiare. Saremo in grado di vedere gli altri non come una soluzione alle nostre esigenze o una risposta alla solitudine che ci tormenta, ma soltanto per gioire della loro presenza» (Radcliffe).

Voler eliminare a tutti i costi la solitudine significherebbe sacrificare questa dimensione fondamentale dello spirito. Sappiamo quanto invece sia importante il non detto nelle relazioni, quegli elementi non costituiti di parole e che tuttavia passano all’altro forse in modo ancora più forte delle parole; qualche volta esso potrà anche trovare una espressione verbale, ma mai completamente, rimane un fondo di “silenzio” che è il cuore della relazione, il riconoscimento del mistero vicendevole, che va rispettato come tale. È importante vagliare e decidere cosa dire e non dire all’amico, come per il dono, la parola va preparata accuratamente: la sbrigatività non è il criterio della trasparenza amicale. La comunicazione è autentica quando nasce dal silenzio e sa rispettare il silenzio, il mistero inesprimibile che ci costituisce: «Silenzio e parola sono parti inseparabili della comunicazione. All’interno del dialogo il fatto di tacere è altrettanto significativo quanto quello di parlare. Come il silenzio si oppone al mutismo, così la parola si oppone a tutte le forme di eccesso di parole che impediscono anch’esse il dialogo. Ogni parola proviene dal silenzio e vi fa ritorno. Ludwig Wittgenstein in uno dei suoi aforismi enigmatici aveva già detto: “Quando non ci si studia di esprimere l'inesprimibile, allora niente va perduto. Ma l'inesprimibile è - ineffabilmente - contenuto in ciò che si è espresso”. L’autore introduce così il silenzio nel contenuto stesso della parola» (Kolvenbach).   

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech