Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech

Translate

Attenzione. Ascolta i nostri testi!

Benvenuti sul sito della Pia Unione del Transito. Se vuoi ascoltare evidenzia il testo e clicca sull'icona dell'audio
Toggle Bar

Del tempo con San Giuseppe

Trasmissione radio - febbraio 2018

Trasmissione radio - febbraio 2018 Trasmissione radio - febbraio 2018
Ascolta ora! Un bentrovati a tutti gli ascoltatori e le ascoltatrici sintonizzati sulle onde di Radio Mater.  Non...
Read More...

Trasmissione radio - gennaio 2018

Trasmissione radio - gennaio 2018 Trasmissione radio - gennaio 2018
Ascolta ora! Carissimi e stimati ascoltatori e ascoltatrici di Radio Mater è con gioia che iniziamo questa trasmissione, la...
Read More...
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Il direttore, su Tv2000 il 9 novembre

La nostra Rivista

Clicca sull'immagine per ingrandire e sfogliare la rivista
 

Fai la tua offerta!


Confidenziale

L’uomo e il tempo sono abitati da una scintilla di...
L’uomo e il tempo sono abitati da una scintilla divina

di Mario Carrera Dal 2017 traghettiamo  nel 2018 la fiaccola della speranza sino alle periferie de [ ... ]

Natale: Dio si riveste di carne e cammina con noi ...

Nella nostra società del benessere e dell’apparire, il Natale si è trasformato in  uno sfolgori [ ... ]

Other Articles

Lettere su Maria

Maria, donna gestante
Maria, donna gestante

di mons. Tonino Bello «Rimase con lei circa tre mesi. Poi tornò a casa sua». Da Nazareth era qua [ ... ]

Maria, donna del pane
Maria, donna del pane

di mons. Tonino Bello Santa Maria, donna del pane, chi sa quante volte all’interno della casa di  [ ... ]

Other Articles

Spiritualità e famiglia

Camminare insieme in reciproco servizio sorretti d...
Camminare insieme in reciproco servizio sorretti dall’amore

Sinodo sulla famiglia di Gianni Gennari Due Sinodi (2014 e 2015) voluti da Papa Francesco. La no [ ... ]

Nonni: mamme e papà due volte
Nonni: mamme e papà due volte

Il Papa alle generazioni in un cammino solidale La domenica precedente all’apertura del Sinodo sp [ ... ]

Vita della Chiesa

Alcuni spunti per una spiritualità della vedova

La vedova rivela i due atteggiamenti fondamentali della Chiesa (sposa) davanti a Cristo (sposo): l [ ... ]

Orfane di affetto rigenerano amore
Orfane di affetto rigenerano amore

Ordo Viduarum di Adelio Antonelli Cosa?... Mica ho capito male. E che cos’è questo Ordo Viduaru [ ... ]

Other Articles

Teologia di San Giuseppe

Il silenzio operativo del capo cantiere di una nuo...
29 Mar 2017 14:24 - Super UserIl silenzio operativo del capo cantiere di una nuova epoca

di Angelo Forti La figura di san Giuseppe in questi ultimi decenni si è affacciata sul palcoscenic [ ... ]

Other Articles

Bussola dello Spirito

Quale immortalità?
Quale immortalità?

a cura di Gabriele Cantaluppi Saremmo stati immortali se non ci fosse stata la disobbedienza di Ada [ ... ]

Quale immortalità?
Quale immortalità?

a cura di Gabriele Cantaluppi Saremmo stati immortali se non ci fosse stata la disobbedienza di Ada [ ... ]

Other Articles

Don Luigi Guanella Santo

Il sapore della terra si fa profumo di cielo

Il sapore della terra si fa profumo di cielo Il sapore della terra si fa profumo di cielo
di Mario Carrera Recita un proverbio orientale: «Chi si mette in mostra da sé non verrà mai in luce; chi si approva da sé non verrà mai considerato; chi si vanta da sé non avrà mai valore e chi...
Read More...

Don Guanella il santo del "mezzo passo in più"

Don Guanella il santo del "mezzo passo in più" Don Guanella il santo del "mezzo passo in più"
del card. Tarcisio Bertone   Carissimi fratelli e sorelle! All’indomani della Canoniz­zazione di Don Luigi Gua­nella, ci ritroviamo con gioia nella Basilica di San Pietro per elevare a Dio il...
Read More...

Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti

Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti
Brano dall'omelia di Benedetto XVI La testimonianza umana e spirituale di san Luigi Guanella è per tutta la Chiesa un particolare dono di grazia. Durante la sua esistenza terrena egli ha vissuto con...
Read More...
  • 1
  • 2

Venerabile Aurelio Bacciarini

I poveri al primo posto nel cuore di Bacciarini

I poveri al primo posto nel cuore di Bacciarini
Un progetto pastorale di don Nino Massara Il 30 giugno 1912 don Bacciarini riceve l’investitura di parroco
e otto giorni dopo ufficialmente  promuove e organizza la carità verso i poveri con...
Read More...

Assillo di don Bacciarini

Assillo di don Bacciarini
Gli uomini in parrocchia di don Nino Massara Accanto alle Madri cristiane, alle associazioni dei fanciulli e dei giovani,
a don Bacciarini stavano a cuore le migliaia di uomini, di padri che non...
Read More...

Una fioritura ricca e feconda

Una fioritura ricca e feconda
Le Associazioni parrocchiali di Nino Massara Nella sua strategia pastorale don Aurelio scommette sul genio femminile
e chiama a raccolta in associazione «le madri cristiane» e le mette sotto...
Read More...

Nuova evangelizzazione al Trionfale

Nuova evangelizzazione al Trionfale
  Bacciarini parroco   di NINO MASSARA «Il parroco anche nella più piccola parrocchia del mondo,
è sempre un capitano nella grande famiglia di Cristo
e l’idea di una vasta solidarietà...
Read More...

Don Aurelio Bacciarini. Un parroco secondo il cuore di Dio

Don Aurelio Bacciarini. Un parroco secondo il cuore di Dio Don Aurelio Bacciarini. Un parroco secondo il cuore di Dio
30 giugno di cent’anni fa di Mario Carrera Il ministero di don Aurelio era peregrinare nella case e baracche del quartiere.
Ad imitazione di don Guanella che diceva che «i poveri bisogna andare...
Read More...

Trasmissione Radio Vaticana con i testi di don Mario Carrera

di Giovanni Cucci

Un altro punto importante dell’amicizia autentica è l’aver superato la fase della vita corrispondente a quello che Freud chiamava il principio del piacere, che contrapponeva al principio di realtà. Il principio del piacere non riguarda soltanto le espressioni apertamente sessuali, ma anche gratificazioni di altro tipo, più sottili ma non meno deleterie, legate ad esempio al potere, ai ricatti affettivi, alla compiacenza al non poter dire ciò che si pensa perché tagliati fuori irrimediabilmente dalla considerazione altrui; in questo modo l’altro scompare come altro, esso è ridotto a una funzione, quella appunto di soddisfare la propria gratificazione: è stato ridotto a una cosa. Freud fa delle osservazioni acute sul carattere paradossale del piacere: esso non è altro che la morte del desiderio, allenta la tensione interna e con il tempo richiede dosi sempre più forti.

È un po’ come quando si iniziano a prendere droghe leggere, l’organismo si abitua e non prova più le sensazioni iniziali. In questo caso la soddisfazione consiste nella cessazione del bisogno, anche se l’individuo continua a cercarlo con sempre meno soddisfazioni. La conclusione è che chi cerca il piacere non lo raggiunge mai, perché esso si sposta sempre più in avanti: «Uno stile di vita finalizzato alla ricerca del piacere (in genere) conduce lentamente all’inerzia della morte psichica, ovvero all’indifferenza generale. La progressiva dipendenza dal bisogno crea sempre più assuefazione (e conseguente pretesa di aumento della dose), per cui da un lato l’individuo diviene progressivamente dipendente da una gratificazione che ha la sensazione immediata di ottenere, d’altro lato, in realtà, diviene sempre meno capace di godere dello stesso piacere gratificato (la dose infatti deve aumentare). La contraddizione porta, a lungo andare, alla fissazione su quest’unico piacere con esclusione di altri desideri, dunque alla povertà qualitativa e alla riduzione quantitativa dei desideri, quasi a una paralisi o a una lenta eutanasia della capacità di desiderare. Potremmo rendere la geniale intuizione freudiana in questi termini: più uno fa quel che gli piace, meno gli piace quel che fa» (Cencini).

Se si vuole gustare la bellezza dell’amicizia è necessario superare la visione della realtà in termini di mi piace/non mi piace, per vivere relazioni più vere e profonde, e questo è naturalmente anche il presupposto per vivere la relazione amicale con Dio, rispondendo in questo modo alla sua chiamata. La visione biblica suppone l’uscita da se stessi, una lotta contro il proprio egoismo di fondo, che vorrebbe come criterio ultimo dell’esistenza la realizzazione di sé, per vivere l’amore, anche l’amore di amicizia, come agape: «La motivazione di base della vocazione cristiana non può essere l’autorealizzazione come fine a se stessa, dove l’uomo è centrato su se stesso e perciò incapace di amare e incapace di ricevere l’amore, impossibilitato ad una relazione con l’altro a scopo della propria autorealizzazione. Ben diversa è l’antropologia dell’agape. Qui la motivazione è il dono totale di sé per il bene, tutto il bene dell’altro; nella relazione con l’altro l’individuo esce da se stesso fino a dimenticare se stesso; egli non cerca la realizzazione di sue proprie particolari capacità o possibilità, ma accoglie l’altra persona senza riserva, nella sua totalità. E così può realizzare se stesso; ma questa autorealizzazione è una conseguenza dell’uscita da se stessi per amore dell’altro. L’antropologia cristiana è per il personalismo del Tu e del tu, non per quello dell’“io”» (L.M. Rulla).

Costituiscono ulteriori indici di maturità l’apprezzamento della complessità dell’altro e la presenza della flessibilità, intese sia come capacità di adattamento sia come riconoscimento dell’unicità dell’altro, perché ogni relazione è diversa dalle altre e presenta per molti aspetti delle “sorprese” non prevedibili a priori; essa va capita di volta in volta e se vuole attuarsi deve superare anche ostacoli, difficoltà e possibili incomprensioni.

Empatia, relazione, complessità e flessibilità procedono infatti di pari passo: «Il mondo degli altri non è un giardino di delizie, ma una costante provocazione alla lotta, all’adattamento, al superamento; e ripresenta costantemente il rischio e il dolore. Non per nulla si riafferma con tanta insistenza che non ci sono, in questo campo, regole esaurienti, e che lo scambio richiesto dall’opera educativa non potrà mai essere sostituito dalla macchina più sofisticata o da un programma teorico astratto» (F. Imoda).

Tutto questo presuppone una libertà interiore di fondo, che si nota soprattutto dalla capacità di riconoscere e di parlare dei propri limiti e delle proprie negatività senza paura; essa manifesta una sostanziale visione positiva di sé che non cerca continuamente conferme esterne. Dalla libertà interiore emerge l’attenzione nei confronti di ciò che è bello in se stesso, esprimendo una contentezza di vivere che gli permette di guardare al di fuori di sé. Al contrario, chi mostra di lamentarsi sempre, chi è conflittuale nelle relazioni, pungente nelle risposte, chi non sembra mai in pace con se stesso e ha continuamente bisogno di conferme ed incoraggiamenti, chi non sa cogliere la bellezza della propria scelta vocazionale, mostra di non essere affettivamente libero.   

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech