Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech

Translate

Attenzione. Ascolta i nostri testi!

Benvenuti sul sito della Pia Unione del Transito. Se vuoi ascoltare evidenzia il testo e clicca sull'icona dell'audio
Toggle Bar

Del tempo con San Giuseppe

Trasmissione radio - dicembre 2017

Trasmissione radio - dicembre 2017 Trasmissione radio - dicembre 2017
Ascolta ora! Come sempre un cordiale bentrovati in questo tempo dedicato alla preghiera, alla riflessione, a riscaldare il cuore...
Read More...

Trasmissione radio - novembre 2017

Trasmissione radio - novembre 2017 Trasmissione radio - novembre 2017
Ascolta ora!
Un cordiale ben trovati in questo nostro appuntamento mensile in compagnia di San Giuseppe. La solennità...
Read More...
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Il direttore, su Tv2000 il 9 novembre

La nostra Rivista

Clicca sull'immagine per ingrandire e sfogliare la rivista
 

Fai la tua offerta!


Confidenziale

Nella nostra società del benessere e dell’apparire, il Natale si è trasformato in uno sfolgorio di luci per gli occhi del corpo; ma, per chi davvero crede, il Natale, è

Read More
  • icon Natale: Dio si riveste di carne e cammina con noi

Lettere su Maria

Maria, donna gestante
Maria, donna gestante

di mons. Tonino Bello «Rimase con lei circa tre mesi. Poi tornò a casa sua». Da Nazareth era qua [ ... ]

Maria, donna del pane
Maria, donna del pane

di mons. Tonino Bello Santa Maria, donna del pane, chi sa quante volte all’interno della casa di  [ ... ]

Other Articles

Spiritualità e famiglia

Camminare insieme in reciproco servizio sorretti d...
Camminare insieme in reciproco servizio sorretti dall’amore

Sinodo sulla famiglia di Gianni Gennari Due Sinodi (2014 e 2015) voluti da Papa Francesco. La no [ ... ]

Nonni: mamme e papà due volte
Nonni: mamme e papà due volte

Il Papa alle generazioni in un cammino solidale La domenica precedente all’apertura del Sinodo sp [ ... ]

Vita della Chiesa

«Il Natale per me è speranza e tenerezza...»
«Il Natale per me è speranza e tenerezza...»

Eco di un’intervista di Andrea Tornielli con papa Francesco di Andrea Tornielli Dopo nove mesi d [ ... ]

La chiesa-madre generatrice di pace
La chiesa-madre generatrice di pace

A Fatima è stata scritta la profezia delle conversioni di Angelo Forti Da quando i papi hanno i [ ... ]

Other Articles

Teologia di San Giuseppe

Il silenzio operativo del capo cantiere di una nuo...
29 Mar 2017 14:24 - Super UserIl silenzio operativo del capo cantiere di una nuova epoca

di Angelo Forti La figura di san Giuseppe in questi ultimi decenni si è affacciata sul palcoscenic [ ... ]

Other Articles

Bussola dello Spirito

Si può “recuperare” la messa della domenica
Si può “recuperare” la messa della domenica

La vita del cristiano è intessuta attorno all’Eucaristia da cui si prende luce, energia e vitalit [ ... ]

Bagnasco e Bassetti si scambiano il "testimone" pa...
Bagnasco e Bassetti si scambiano il

Gratitudine e saluti beneauguranti al vertice della Conferenza episcopale italiana Il Beato Pio IX  [ ... ]

Other Articles

Don Luigi Guanella Santo

Il sapore della terra si fa profumo di cielo

Il sapore della terra si fa profumo di cielo Il sapore della terra si fa profumo di cielo
di Mario Carrera Recita un proverbio orientale: «Chi si mette in mostra da sé non verrà mai in luce; chi si approva da sé non verrà mai considerato; chi si vanta da sé non avrà mai valore e chi...
Read More...

Don Guanella il santo del "mezzo passo in più"

Don Guanella il santo del "mezzo passo in più" Don Guanella il santo del "mezzo passo in più"
del card. Tarcisio Bertone   Carissimi fratelli e sorelle! All’indomani della Canoniz­zazione di Don Luigi Gua­nella, ci ritroviamo con gioia nella Basilica di San Pietro per elevare a Dio il...
Read More...

Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti

Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti
Brano dall'omelia di Benedetto XVI La testimonianza umana e spirituale di san Luigi Guanella è per tutta la Chiesa un particolare dono di grazia. Durante la sua esistenza terrena egli ha vissuto con...
Read More...
  • 1
  • 2

Venerabile Aurelio Bacciarini

I poveri al primo posto nel cuore di Bacciarini

I poveri al primo posto nel cuore di Bacciarini
Un progetto pastorale di don Nino Massara Il 30 giugno 1912 don Bacciarini riceve l’investitura di parroco
e otto giorni dopo ufficialmente  promuove e organizza la carità verso i poveri con...
Read More...

Assillo di don Bacciarini

Assillo di don Bacciarini
Gli uomini in parrocchia di don Nino Massara Accanto alle Madri cristiane, alle associazioni dei fanciulli e dei giovani,
a don Bacciarini stavano a cuore le migliaia di uomini, di padri che non...
Read More...

Una fioritura ricca e feconda

Una fioritura ricca e feconda
Le Associazioni parrocchiali di Nino Massara Nella sua strategia pastorale don Aurelio scommette sul genio femminile
e chiama a raccolta in associazione «le madri cristiane» e le mette sotto...
Read More...

Nuova evangelizzazione al Trionfale

Nuova evangelizzazione al Trionfale
  Bacciarini parroco   di NINO MASSARA «Il parroco anche nella più piccola parrocchia del mondo,
è sempre un capitano nella grande famiglia di Cristo
e l’idea di una vasta solidarietà...
Read More...

Don Aurelio Bacciarini. Un parroco secondo il cuore di Dio

Don Aurelio Bacciarini. Un parroco secondo il cuore di Dio Don Aurelio Bacciarini. Un parroco secondo il cuore di Dio
30 giugno di cent’anni fa di Mario Carrera Il ministero di don Aurelio era peregrinare nella case e baracche del quartiere.
Ad imitazione di don Guanella che diceva che «i poveri bisogna andare...
Read More...

Trasmissione Radio Vaticana con i testi di don Mario Carrera

di Ottavio De Bertolis

Proseguiamo con la nostra lettura di Lc 5: «Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: “Prendi il largo e calate le reti per la pesca”. Simone rispose: “Maestro abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti”. E avendolo fatto presero una quantità enorme di pesci e le reti si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche, al punto che quasi affondavano».

A ben pensare, dietro il racconto si vede la centralità della parola di Gesù. Quando ebbe finito di parlare, Gesù disse: «il Signore parla per tutti, ma parla anche per uno solo», quel “tu”, che è Pietro, al quale dice: predi (tu) il largo, e calate (voi) le reti. Così Pietro, e i suoi compagni, passano dall’ascolto della parola di Gesù in un certo senso da lontano, cioè da un ascolto quasi esterno, capace certo di suscitare ammirazione ed entusiasmo, ma come rimasto nelle orecchie e, ancora non entrato nel cuore, ad un ascolto da vicino, anzi, un ascolto interiore, nel quale quel che è udito viene verificato dai fatti, cioè dall’esperienza. Gesù ha appena finito di parlare con tutta la folla lì accalcata, e inizia a parlare a Simone, e, con lui, agli altri pochi pescatori che stavano riassettando le reti, ignari di quel che sarebbe loro capitato. Possiamo fare memoria del nostro personale passaggio dall’ascolto esterno, emozionale e superficiale, all’ascolto vero, dall’ascolto della parola come rivolta a tutti all’esperienza che quella parola è detta a me.

Quella parola della quale stiamo parlando incomincia male: incomincia cioè come una parola impossibile. Simone sa bene, da pescatore esperto, che non si pesca la mattina presto: i pesci sono ritirati nei fondali e non si fanno prendere, tanto più dopo una notte rivelatasi completamente infruttuosa. Chissà, forse i brachi di pesci erano in un altro luogo, sta di fatto che quella notte non presero nulla: cose che succedono, in fondo non una tragedia, ma comunque un fatto tale da non permettere alla parola di Gesù di presentarsi con una certa plausibilità. «Ma sulla tua parola getterò le reti»: Pietro aveva già gustato quella parola, aveva visto la sua capacità di agire efficacemente, e passa così ad un’esperienza personale. Ma questa non si basa su di un segno già avvenuto, ma su di una fiducia, appunto su di una fede, al buio: il segno avverrà dopo e, come vedremo, quando avverrà a sua volta rimanderà oltre, non esaurendosi in una specie di improvvisa botta di fortuna, una specie di magia che risolve un problema immediato. Possiamo anche qui fare memoria di tutte le volte che le parole di Gesù ci sembravano letteralmente incredibili, cioè non credibili: di quando, proprio a causa di questa incredibilità, non vi abbiamo dato peso, preferendo ragionevolmente gettare le reti su parole altre, o altrui, diverse dalle sue, di quando, cioè, non ci siamo fidati di lui. è a questo punto che la fede prende il largo, oppure rimane definitivamente incagliata, abortita in una conveniente ragionevolezza, in una morale condivisibile, in una sorta di politicamente corretto del nostro modo di vivere, qualcosa cioè di buono, sensato, una specie di buona educazione che chiunque può avere. Ma questa non è più fede: è ancora la logica umana con la quale ammantiamo di soprannaturale un modo invece assolutamente naturale di vivere, agire e pensare.

L’esperienza rivela la parola di Gesù piena di frutti: le due barche, non una sola, piene di pesci. Un risultato inatteso, la sorpresa di Dio. Tutti ne sono coinvolti: di nuovo, vale la pena osservare che anche i compagni di Pietro sono partecipi, tanto è vero che vengono ad aiutare. Di nuovo, la fede non inizia da soli: siamo condotti da altri, la condividiamo con altri, la sperimentiamo con altri. Questo è il germe della Chiesa, della quale Pietro sarà pietra, roccia stabile.

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech