Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech

Translate

Attenzione. Ascolta i nostri testi!

Benvenuti sul sito della Pia Unione del Transito. Se vuoi ascoltare evidenzia il testo e clicca sull'icona dell'audio
Toggle Bar

Del tempo con San Giuseppe

Trasmissione radio - novembre 2018

Trasmissione radio - novembre 2018 Trasmissione radio - novembre 2018
Ascolta ora!  È con vero piacere che posso entrare e porgere il mio saluto cordiale alle...
Read More...

Trasmissione radio - ottobre 2018

Trasmissione radio - ottobre 2018 Trasmissione radio - ottobre 2018
Ascolta ora! Un cordiale bentrovati a tutte le ascoltatrici e ascoltatori sintonizzati...
Read More...
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Festa della Natività di Maria

La nostra Rivista

Clicca sull'immagine per ingrandire e sfogliare la rivista
 

Fai la tua offerta!


Confidenziale

Pellegrini nelle cittadelle della speranza
Pellegrini nelle cittadelle della speranza

La visita ai cimiteri di Mario Carrera La visita ai cimiteri, dove i nostri parenti aspettano la c [ ... ]

Un rischio necessario da giocare in famiglia, a sc...
Un rischio necessario da giocare in famiglia, a scuola e in parrocchia

Educazione reciproca e comunitaria di Mario Carrera Si dice che quando nasce un bambino in cielo s [ ... ]

Other Articles

Lettere su Maria

Maria, donna accogliente
Maria, donna accogliente

di mons. Tonino Bello Santa Maria, donna accogliente, aiutaci ad accogliere la Parola nell'intimo d [ ... ]

«Ecco tuo figlio... ecco tua madre»
«Ecco tuo figlio... ecco tua madre»

di mons. Tonino Bello Morente sulla croce, Gesù ha affidato l’apostolo Giovanni a sua madre Mari [ ... ]

Other Articles

Spiritualità e famiglia

La famiglia nella sua concretezza
La famiglia nella sua concretezza

L'Amoris laetitia di don Nico Rutigliano L’atteggiamento che papa Francesco ha assunto nei confr [ ... ]

Accompagnamento
Accompagnamento

L'Amoris laetitia di Nico Rutigliano Se l’aereo perde velocità, va in stallo. Per prendere quot [ ... ]

Other Articles

Vita della Chiesa

«Pensiero alla morte»
«Pensiero alla morte»

Un Giovanni Battista Montini "segreto" di fronte a Dio e a se stesso Il Direttore Nel canonizzar [ ... ]

Don Zeno rivoluzionario di Dio e avvocato dei pove...
Don Zeno rivoluzionario di Dio e avvocato dei poveri

Papa Francesco onora un artigiano dell’arte di amare di Mario Sgarbossa C’'è una “città” [ ... ]

Other Articles

Teologia di San Giuseppe

Il silenzio operativo del capo cantiere di una nuo...
29 Mar 2017 14:24 - Super UserIl silenzio operativo del capo cantiere di una nuova epoca

di Angelo Forti La figura di san Giuseppe in questi ultimi decenni si è affacciata sul palcoscenic [ ... ]

Other Articles

Bussola dello Spirito

E' vero che chi muore «ci guarda dal cielo»?

di Gabriele Cantaluppi II volto dei nostri defunti è sempre presente nelle nostre case; le loro fo [ ... ]

Padrino o madrina lo facciano i catechisti

di Gabriele Cantaluppi II tema dei padrini e madrine della Cresima si fa sempre più sentire nelle  [ ... ]

Other Articles

Don Luigi Guanella Santo

Il sapore della terra si fa profumo di cielo

Il sapore della terra si fa profumo di cielo Il sapore della terra si fa profumo di cielo
di Mario Carrera Recita un proverbio orientale: «Chi si mette in mostra da sé non verrà mai in luce; chi si approva da sé non verrà mai considerato; chi si vanta da sé non avrà mai valore e chi...
Read More...

Don Guanella il santo del "mezzo passo in più"

Don Guanella il santo del "mezzo passo in più" Don Guanella il santo del "mezzo passo in più"
del card. Tarcisio Bertone   Carissimi fratelli e sorelle! All’indomani della Canoniz­zazione di Don Luigi Gua­nella, ci ritroviamo con gioia nella Basilica di San Pietro per elevare a Dio il...
Read More...

Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti

Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti
Brano dall'omelia di Benedetto XVI La testimonianza umana e spirituale di san Luigi Guanella è per tutta la Chiesa un particolare dono di grazia. Durante la sua esistenza terrena egli ha vissuto con...
Read More...
  • 1
  • 2

Venerabile Aurelio Bacciarini

La totalità del suo dono dalla linfa della sua fede

La totalità del suo dono dalla linfa della sua fede La totalità del suo dono dalla linfa della sua fede
Chiuso a Lugano il Centenario del venerabile Bacciarini di Nino Minetti Le comunità guanelliane del Canton Ticino in Svizzera e alcune lombarde della Provincia Sacro Cuore e delle Figlie di Santa Maria...
Read More...

Bacciarini alla Madonna del Sasso

Bacciarini  alla  Madonna del Sasso Bacciarini alla Madonna del Sasso
di Gabriele Cantaluppi Monsignor Bacciarini ebbe coscienza viva delle provocazioni che l’epoca in cui viveva  poneva alla diffusione del messaggio cristiano. Era fortemente convinto che la visibilità...
Read More...

Bacciarini instancabile pellegrino

Bacciarini instancabile pellegrino Bacciarini instancabile pellegrino
di Violetta Ferrario Monsignor Bacciarini promosse costantemente i pellegrinaggi, ritenendoli «uno storico trionfo di fede e di pietà», e anche una forma più efficace di apostolato moderno e parte...
Read More...

I romani inventarono le strade, i cristiani i pellegrinaggi

I romani inventarono le strade, i cristiani i pellegrinaggi I romani inventarono le strade, i cristiani i pellegrinaggi
di Angelo Forti In appendice alla sua Lettera, l’autore dell’epistola agli ebrei  invita il cristiano a uscire dal suo “accampamento”, dal perimetro della propria vita per avviarsi sempre di...
Read More...

Trasmissione Radio Vaticana con i testi di don Mario Carrera

4*/ Seguire Gesù con san Pietro

di Ottavio De Bertolis

A questo punto, possiamo fare un’incursione quasi alla fine del discepolato di Pietro; riprenderemo dalla prossima volta un cammino seguendo più da vicino l’ordine del Vangelo. Questo salto in avanti è giustificato perché dopo avere riflettuto sul gruppo di discepoli possiamo riflettere su che cosa significa la vita fraterna, cioè la vita seguendo Gesù non da soli, ma in comune. In un certo senso, significa capire che cos’è la Chiesa, perché ognuno di noi incontra Cristo con altri, lo segue con altri, e anche lo serve negli altri, cominciando proprio dai compagni nella fede.

Facciamo dunque un balzo a Mt 19, 21-22: «Allora Pietro gli si avvicinò e disse: “Signore, quante volte dovrò perdonare al mio fratello se pecca contro di me? Fino a sette volte?” E Gesù gli rispose: “Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette”». è interessante osservare che questa domanda di Pietro e la risposta di Gesù si trovano incastonate tra l’invito a pregare in comune, con la promessa che il Padre esaudirà la preghiera fatta insieme «perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome io sono in mezzo a loro» (Mt 18, 21), e la così detta parabola del servo spietato, che inizia con le parole: «A proposito, il regno dei cieli è simile a un re che volle fare i contri con i suoi servi» (Mt 18, 23).

Gesù unisce il perdono fino a settanta volte sette con il paragone del regno dei cieli simile a un re che volle fare i conti coi suoi servi con le parole “a proposito”. Sembra nulla, ma sono parole significative. Gesù dice che, per comprendere quella cosa così sproporzionata e in un certo senso assurda che è il perdono che noi dobbiamo dare settanta volte sette, è necessario capire come è fatto il regno di Dio, che inizia appunto con un gesto altrettanto assurdo. Infatti Dio perdona diecimila talenti al primo servo che gli si presenta davanti: diecimila talenti è una somma mostruosa, potremmo dire centinaia di milioni di euro, un cifra che nessuno può mettere insieme, che sta a significare semplicemente che tra Dio e l’uomo c’è un abisso che noi non potremmo mai riempire con le nostre forze. Come sappiamo «impietositosi, il padrone lo lasciò andare e gli condonò il debito» (Mt 18, 27). C’è un impietosirsi, una rimessione, una gratuita cessione del proprio patrimonio a un debitore insolvente: infatti condonare un debito è regalare le proprie cose. Quei diecimila talenti sono l’equivalente del settanta volte sette, cifra simbolica e sproporzionata. Di qui non solo la gratitudine per chi ti ha regalato tutti quei soldi, ma anche, siccome di fatto è come ti siano entrati in tasca, la possibilità che tu hai di condonare anche cento denari che l’altro ti deve. Cento denari: il denaro è l’equivalente di un giorno di lavoro, diciamo tre mensilità. Se hai portato a casa una botta di soldi, non sono neanche seimila euro a mandarti in crisi. La gratitudine a chi ti ha condonato tanto, ti rende possibile condonare, in una rincorsa che non avrà mai fine, come non ha mai fine il condono di Dio, il suo impietosirsi.

Matteo esprime narrando queste parole quello che Giovanni scriverà più icasticamente nella sua prima lettera, che è un capolavoro di sintesi: «Noi amiamo perché egli ci ha amato per primo» (1 Gv 4, 19). Possiamo amare, cioè perdonare, solo perché siamo stati amati, per un‘esperienza che abbiamo fatto: non si ama né si perdona per dovere, ma solo perché la gratuità che abbiamo ricevuto su di noi ci ha portato a un modo più grande di vivere, facendoci andare oltre il solito discorso del “mi conviene o non mi conviene”, o del “che vantaggio ne traggo”. In questo senso, la vita fraterna non è un rapporto a due, tra me e l’altro: se così fosse a un certo punto mi stuferei per forza, vedendo che tutto può sembrare inutile. è invece un rapporto a tre: io, l’altro e colui che ha già condonato, e continua a farlo, a tutti e due. Per perdonare devi vedere, tu e lui, entrambi, sotto il perdono di Dio. La pietà di Dio ti apre alla tua pietà; se hai gustato la compassione infinita di Dio, potrai avere tu infinita compassione.

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech