Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech

Translate

Attenzione. Ascolta i nostri testi!

Benvenuti sul sito della Pia Unione del Transito. Se vuoi ascoltare evidenzia il testo e clicca sull'icona dell'audio
Toggle Bar

Del tempo con San Giuseppe

Trasmissione radio - settembre 2018

Trasmissione radio - settembre 2018 Trasmissione radio - settembre 2018
Ascolta ora! Un ben trovati a tutti. E’ sempre una gioia poter e condividere i nostri...
Read More...

Trasmissione radio - luglio 2018

Trasmissione radio - luglio 2018 Trasmissione radio - luglio 2018
Ascolta ora! Un cordiale ben ritrovati in quest’oasi di riflessione, di preghiera e di...
Read More...
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Festa della Natività di Maria

La nostra Rivista

Clicca sull'immagine per ingrandire e sfogliare la rivista
 

Fai la tua offerta!


Confidenziale

Un rischio necessario da giocare in famiglia, a sc...
Un rischio necessario da giocare in famiglia, a scuola e in parrocchia

Educazione reciproca e comunitaria di Mario Carrera Si dice che quando nasce un bambino in cielo s [ ... ]

Vacanze tempo di gioia vissuta e donata
Vacanze tempo di gioia vissuta e donata

Due mesi nel cuore dell’anno di Mario Carrera La parola “gioia” riecheggia costantemente nel [ ... ]

Other Articles

Lettere su Maria

Maria, donna accogliente
Maria, donna accogliente

di mons. Tonino Bello Santa Maria, donna accogliente, aiutaci ad accogliere la Parola nell'intimo d [ ... ]

«Ecco tuo figlio... ecco tua madre»
«Ecco tuo figlio... ecco tua madre»

di mons. Tonino Bello Morente sulla croce, Gesù ha affidato l’apostolo Giovanni a sua madre Mari [ ... ]

Other Articles

Spiritualità e famiglia

La famiglia nella sua concretezza
La famiglia nella sua concretezza

L'Amoris laetitia di don Nico Rutigliano L’atteggiamento che papa Francesco ha assunto nei confr [ ... ]

Accompagnamento
Accompagnamento

L'Amoris laetitia di Nico Rutigliano Se l’aereo perde velocità, va in stallo. Per prendere quot [ ... ]

Other Articles

Vita della Chiesa

Don Zeno rivoluzionario di Dio e avvocato dei pove...
Don Zeno rivoluzionario di Dio e avvocato dei poveri

Papa Francesco onora un artigiano dell’arte di amare di Mario Sgarbossa C’'è una “città” [ ... ]

Tristezza e rammarico, ma voglia di nuova presenza
Tristezza e rammarico, ma voglia di nuova presenza

Il popolo ticinese ha perso una voce Chissà cosa penserà dal Cielo monsignor Aurelio Bacciarini,  [ ... ]

Other Articles

Teologia di San Giuseppe

Il silenzio operativo del capo cantiere di una nuo...
29 Mar 2017 14:24 - Super UserIl silenzio operativo del capo cantiere di una nuova epoca

di Angelo Forti La figura di san Giuseppe in questi ultimi decenni si è affacciata sul palcoscenic [ ... ]

Other Articles

Bussola dello Spirito

E' vero che chi muore «ci guarda dal cielo»?

di Gabriele Cantaluppi II volto dei nostri defunti è sempre presente nelle nostre case; le loro fo [ ... ]

Padrino o madrina lo facciano i catechisti

di Gabriele Cantaluppi II tema dei padrini e madrine della Cresima si fa sempre più sentire nelle  [ ... ]

Other Articles

Don Luigi Guanella Santo

Il sapore della terra si fa profumo di cielo

Il sapore della terra si fa profumo di cielo Il sapore della terra si fa profumo di cielo
di Mario Carrera Recita un proverbio orientale: «Chi si mette in mostra da sé non verrà mai in luce; chi si approva da sé non verrà mai considerato; chi si vanta da sé non avrà mai valore e chi...
Read More...

Don Guanella il santo del "mezzo passo in più"

Don Guanella il santo del "mezzo passo in più" Don Guanella il santo del "mezzo passo in più"
del card. Tarcisio Bertone   Carissimi fratelli e sorelle! All’indomani della Canoniz­zazione di Don Luigi Gua­nella, ci ritroviamo con gioia nella Basilica di San Pietro per elevare a Dio il...
Read More...

Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti

Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti
Brano dall'omelia di Benedetto XVI La testimonianza umana e spirituale di san Luigi Guanella è per tutta la Chiesa un particolare dono di grazia. Durante la sua esistenza terrena egli ha vissuto con...
Read More...
  • 1
  • 2

Venerabile Aurelio Bacciarini

La totalità del suo dono dalla linfa della sua fede

La totalità del suo dono dalla linfa della sua fede La totalità del suo dono dalla linfa della sua fede
Chiuso a Lugano il Centenario del venerabile Bacciarini di Nino Minetti Le comunità guanelliane del Canton Ticino in Svizzera e alcune lombarde della Provincia Sacro Cuore e delle Figlie di Santa Maria...
Read More...

Bacciarini alla Madonna del Sasso

Bacciarini  alla  Madonna del Sasso Bacciarini alla Madonna del Sasso
di Gabriele Cantaluppi Monsignor Bacciarini ebbe coscienza viva delle provocazioni che l’epoca in cui viveva  poneva alla diffusione del messaggio cristiano. Era fortemente convinto che la visibilità...
Read More...

Bacciarini instancabile pellegrino

Bacciarini instancabile pellegrino Bacciarini instancabile pellegrino
di Violetta Ferrario Monsignor Bacciarini promosse costantemente i pellegrinaggi, ritenendoli «uno storico trionfo di fede e di pietà», e anche una forma più efficace di apostolato moderno e parte...
Read More...

I romani inventarono le strade, i cristiani i pellegrinaggi

I romani inventarono le strade, i cristiani i pellegrinaggi I romani inventarono le strade, i cristiani i pellegrinaggi
di Angelo Forti In appendice alla sua Lettera, l’autore dell’epistola agli ebrei  invita il cristiano a uscire dal suo “accampamento”, dal perimetro della propria vita per avviarsi sempre di...
Read More...

Trasmissione Radio Vaticana con i testi di don Mario Carrera

Seguire Gesù con Pietro

di Ottavio De Bertolis

Nei prossimi nostri incontri vogliamo esaminare un brano che ha avuto molta fortuna: il primato di Pietro. Lo possiamo trovare nel capitolo 16 di Matteo: “Essendo giunto Gesù nella regione di Cesarea di Filippo, chiese ai suoi discepoli: «La gente chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni Giovanni il Battista, altri Elia, altri Geremia o qualcuno dei profeti». Disse loro: «Voi chi dite che io sia?». Rispose Simone Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». E Gesù: «Beato te Simone, figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l’hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli» (Mt 16, 13- 17).

Siamo in una regione semipagana, e per questo Gesù domanda che l’idea la gente si sia fatta di lui. In quel luogo dove il giudaismo era contaminato da varie credenze più o meno fantasiose, come l’immortalità dei profeti o di qualcuno di loro, le idee della gente su Gesù si mostrano particolarmente strane, come del resto possiamo vedere anche tra di noi, quando leggiamo che Gesù sia stato un sindacalista, o il primo socialista, o un benefattore dell’umanità in quanto difensore dei poveri e degli oppressi: infatti ognuno si fa di Gesù l’idea che si può fare, partendo da quelli che sono i suoi punti di vista, o le idee correnti nel suo ambiente. «Figlio dell’uomo» significa direttamente Lui stesso, come possiamo vedere da brano parallelo in Lc 9, 18: «Chi sono io secondo la gente?».

Risponde Simon Pietro: è da notare che risponde per primo colui che è il primo. Gesù non l’ha ancora istituito nel suo primato, ma Pietro dice, da solo, la fede che è di tutti, e qui possiamo vedere il ruolo stesso del Papa: la fede è una sola e per questo è detta da uno solo; tuttavia quell’uno solo è come la bocca di tutto il corpo, e afferma ciò che tutto il corpo confessa, cioè l’unica Chiesa. Qui non vogliamo solamente riflettere sul ruolo di Pietro e dei suoi successori, ma vogliamo fare memoria della nostra personale confessione di fede, del momento in cui noi abbiamo dato la stessa risposta, partecipi così della stessa beatitudine di Simone: né la carne né il sangue te l’hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli. Carne e sangue sono parole tipicamente semitiche per indicare le solo forze umane: la fede infatti non è il semplice risultato di un ragionamento, la conclusione di un percorso logico, ma è innanzi tutto un dono, cioè grazia gratuitamente data. E così il Padre ci ha messi in grado di partecipare alla sorte dei santi nella luce, ci ha liberati dal potere delle tenebre e ci ha trasferiti nel regno del Figlio suo diletto (cfr. Col 1, 13). E così i credenti “non da sangue né da volere di carne né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati” (Gv 1, 13).

La fede infatti è la porta per entrare nel mondo di Dio: attraverso la fede entriamo in quel che Cristo ci rivela, perché chi vede Lui vede il Padre. La fede ci pone nell’ascolto e nell’obbedienza, la fede ci fa discepoli, la fede è il principio della nostra istruzione e della nostra conoscenza. La fede di Pietro, che è la stessa fede di Maria: «beata te che hai creduto»(cfr Lc 1, 45), è anche la nostra stessa fede: dono dello Spirito fa di tutti noi tempio dello Spirito. Si adempiono per noi i giorni preannunciati nell’Antico Testamento: «Vi darò un cuore nuovo, metterò dentro di voi uno spirito nuovo, toglierò da voi il cuore di pietra e vi darò un cuore di carne. Porrò il mio spirito dentro di voi» (Ez 36, 26-27). 

Facciamo dunque memoria del nostro venire alla fede; se prima abbiamo ricordato gli amici che ci hanno testimoniato il Signore, coloro che ci hanno condotto a Lui, oggi contempliamo come Gesù ci ha preso in disparte e ci ha chiesto: «Tu, chi dici che io sia?», e di come abbiamo avuto il dono di confessare la stessa fede di Pietro, appunto la fede una della chiesa una, santa perché conduce alle cose sante, cattolica perché di tutti, apostolica perché fondata sulla testimonianza degli apostoli.  

 

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech