Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech

Translate

Attenzione. Ascolta i nostri testi!

Benvenuti sul sito della Pia Unione del Transito. Se vuoi ascoltare evidenzia il testo e clicca sull'icona dell'audio
Toggle Bar

Del tempo con San Giuseppe

Trasmissione radio - febbraio 2018

Trasmissione radio - febbraio 2018 Trasmissione radio - febbraio 2018
Ascolta ora! Un bentrovati a tutti gli ascoltatori e le ascoltatrici sintonizzati sulle onde di Radio Mater.  Non...
Read More...

Trasmissione radio - gennaio 2018

Trasmissione radio - gennaio 2018 Trasmissione radio - gennaio 2018
Ascolta ora! Carissimi e stimati ascoltatori e ascoltatrici di Radio Mater è con gioia che iniziamo questa trasmissione, la...
Read More...
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Il direttore, su Tv2000 il 9 novembre

La nostra Rivista

Clicca sull'immagine per ingrandire e sfogliare la rivista
 

Fai la tua offerta!


Confidenziale

L’uomo e il tempo sono abitati da una scintilla di...
L’uomo e il tempo sono abitati da una scintilla divina

di Mario Carrera Dal 2017 traghettiamo  nel 2018 la fiaccola della speranza sino alle periferie de [ ... ]

Natale: Dio si riveste di carne e cammina con noi ...

Nella nostra società del benessere e dell’apparire, il Natale si è trasformato in  uno sfolgori [ ... ]

Other Articles

Lettere su Maria

Maria, donna gestante
Maria, donna gestante

di mons. Tonino Bello «Rimase con lei circa tre mesi. Poi tornò a casa sua». Da Nazareth era qua [ ... ]

Maria, donna del pane
Maria, donna del pane

di mons. Tonino Bello Santa Maria, donna del pane, chi sa quante volte all’interno della casa di  [ ... ]

Other Articles

Spiritualità e famiglia

Camminare insieme in reciproco servizio sorretti d...
Camminare insieme in reciproco servizio sorretti dall’amore

Sinodo sulla famiglia di Gianni Gennari Due Sinodi (2014 e 2015) voluti da Papa Francesco. La no [ ... ]

Nonni: mamme e papà due volte
Nonni: mamme e papà due volte

Il Papa alle generazioni in un cammino solidale La domenica precedente all’apertura del Sinodo sp [ ... ]

Vita della Chiesa

Alcuni spunti per una spiritualità della vedova

La vedova rivela i due atteggiamenti fondamentali della Chiesa (sposa) davanti a Cristo (sposo): l [ ... ]

Orfane di affetto rigenerano amore
Orfane di affetto rigenerano amore

Ordo Viduarum di Adelio Antonelli Cosa?... Mica ho capito male. E che cos’è questo Ordo Viduaru [ ... ]

Other Articles

Teologia di San Giuseppe

Il silenzio operativo del capo cantiere di una nuo...
29 Mar 2017 14:24 - Super UserIl silenzio operativo del capo cantiere di una nuova epoca

di Angelo Forti La figura di san Giuseppe in questi ultimi decenni si è affacciata sul palcoscenic [ ... ]

Other Articles

Bussola dello Spirito

Quale immortalità?
Quale immortalità?

a cura di Gabriele Cantaluppi Saremmo stati immortali se non ci fosse stata la disobbedienza di Ada [ ... ]

Quale immortalità?
Quale immortalità?

a cura di Gabriele Cantaluppi Saremmo stati immortali se non ci fosse stata la disobbedienza di Ada [ ... ]

Other Articles

Don Luigi Guanella Santo

Il sapore della terra si fa profumo di cielo

Il sapore della terra si fa profumo di cielo Il sapore della terra si fa profumo di cielo
di Mario Carrera Recita un proverbio orientale: «Chi si mette in mostra da sé non verrà mai in luce; chi si approva da sé non verrà mai considerato; chi si vanta da sé non avrà mai valore e chi...
Read More...

Don Guanella il santo del "mezzo passo in più"

Don Guanella il santo del "mezzo passo in più" Don Guanella il santo del "mezzo passo in più"
del card. Tarcisio Bertone   Carissimi fratelli e sorelle! All’indomani della Canoniz­zazione di Don Luigi Gua­nella, ci ritroviamo con gioia nella Basilica di San Pietro per elevare a Dio il...
Read More...

Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti

Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti Il forestiero, l'orfano e il povero: i prediletti
Brano dall'omelia di Benedetto XVI La testimonianza umana e spirituale di san Luigi Guanella è per tutta la Chiesa un particolare dono di grazia. Durante la sua esistenza terrena egli ha vissuto con...
Read More...
  • 1
  • 2

Venerabile Aurelio Bacciarini

I poveri al primo posto nel cuore di Bacciarini

I poveri al primo posto nel cuore di Bacciarini
Un progetto pastorale di don Nino Massara Il 30 giugno 1912 don Bacciarini riceve l’investitura di parroco
e otto giorni dopo ufficialmente  promuove e organizza la carità verso i poveri con...
Read More...

Assillo di don Bacciarini

Assillo di don Bacciarini
Gli uomini in parrocchia di don Nino Massara Accanto alle Madri cristiane, alle associazioni dei fanciulli e dei giovani,
a don Bacciarini stavano a cuore le migliaia di uomini, di padri che non...
Read More...

Una fioritura ricca e feconda

Una fioritura ricca e feconda
Le Associazioni parrocchiali di Nino Massara Nella sua strategia pastorale don Aurelio scommette sul genio femminile
e chiama a raccolta in associazione «le madri cristiane» e le mette sotto...
Read More...

Nuova evangelizzazione al Trionfale

Nuova evangelizzazione al Trionfale
  Bacciarini parroco   di NINO MASSARA «Il parroco anche nella più piccola parrocchia del mondo,
è sempre un capitano nella grande famiglia di Cristo
e l’idea di una vasta solidarietà...
Read More...

Don Aurelio Bacciarini. Un parroco secondo il cuore di Dio

Don Aurelio Bacciarini. Un parroco secondo il cuore di Dio Don Aurelio Bacciarini. Un parroco secondo il cuore di Dio
30 giugno di cent’anni fa di Mario Carrera Il ministero di don Aurelio era peregrinare nella case e baracche del quartiere.
Ad imitazione di don Guanella che diceva che «i poveri bisogna andare...
Read More...

Trasmissione Radio Vaticana con i testi di don Mario Carrera

di Ottavio De Bertolis

Il finale della pericope che stiamo leggendo è il culmine della scena, la vera e propria vocazione di Pietro, nella quale troviamo rispecchiate le nostre. Ma leggiamo con ordine: «Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: “Signore, allontanati da me che sono un peccatore”. Grande stupore infatti aveva preso lui e tutti quelli che erano insieme con lui per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedeo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: “Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini”. Tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono» (Lc 5, 8-11).

Abbiamo lasciato Pietro e i suoi compagni allibiti dall’esito inatteso di una pesca compiuta gettando le reti alla parola di Gesù, fidandosi di quanto proponeva, anche se sembrava così impossibile. Di qui lo stupore: non si tratta semplicemente di un sentimento psicologico, la grande sorpresa di fronte a un evento inatteso, ma di un’esperienza propriamente religiosa, quella che si ha di fronte all’apparire di qualcosa di radicalmente nuovo, dell’irruzione del soprannaturale nella nostra vita ordinaria, di qualcosa che rompe ogni previsione, ogni attesa, ogni schema, di qualcosa che incomincia a cambiare la nostra esistenza. Lo stupore di Pietro è lo stesso stupore di Mosè di fronte al roveto ardente: nasce come meraviglia di fronte all’inspiegabilità di un fatto naturale, ma culmina e matura, come ricorderete, nella rivelazione stessa di Dio. E come lì c’è un pastore che diventerà pastore di Israele, il pastore per eccellenza del popolo di Dio, così qui abbiamo un pescatore che diventerà il pescatore per antonomasia, il pastore del nuovo popolo di Dio, che è la Chiesa. Le storie corrono parallele.

La risposta di Simone al miracolo esprime la paura di fronte all’ingresso di Dio nella propria vita, ed è molto comprensibile: che cosa mi chiede? Che vuole? Che tipo è? E adesso che cosa succede? Tutte queste domande ce le siamo esplicitamente o implicitamente poste quando abbiamo aderito alla fede, qualunque sia stata poi la nostra vocazione. Tutti ci domandiamo, nel dare il nostro assenso a Dio, che cosa derivi da quell’assenso, a che cosa ci impegniamo, dove potremmo andare a finire per la nuova via che abbiamo appena iniziato. Ognuno di noi è un po’ pauroso di Dio, diffidente e sospettoso verso di lui: un empio sonnecchia dentro ognuno di noi, e spesso si risveglia. Perciò dice: allontanati. Può apparire anche un risposta sensata: io peccatore come posso stare davanti a te? Ma in realtà vuol dire: lasciami stare, fammi vivere la mia vita e tu stai per conto tuo. Perciò guardatevi dalla scusa dell’indegnità: io non sono degno di servirti, io non sono adatto. Gesù non sceglie persone adatte o degne, ma chiama uomini e donne normali.

Infatti la conclusione è stupenda. Gesù non dice: «Simone, guarda non ti preoccupare, non sei poi peggio di altri»; non dice neanche: «vedrai che migliorerai, quel che di te ora non ti piace sarà superato»; non dice neppure: «vedrai che con la preghiera, un bel corso di Esercizi spirituali, ti risolleverai e diventerai quel che non sei». Gesù dice solamente: «seguimi». Come dicesse: «lo so che sei peccatore, è vero, e già so, in anticipo, che di qui a due anni passerai un brutto giovedì sera. Semplicemente: non me ne importa. Tu seguimi: vieni con me, non voglio stare senza di te, e non voglio neanche che tu viva senza di me». In quel “seguimi” c’è l’offerta di tutto l’amore di Gesù: lì c’è un perdono radicale e definitivo, del passato come del futuro, una sorgente di grazia alla quale sempre Pietro potrà bere.

Le reti rimangono a terra: lasciato tutto, sono liberi, e lo seguono. Pietro ormai non pesca più pesci, ma uomini; Gesù ti prende e tira da fuori da te il meglio, dilatando all’infinito quel che già sapevi fare bene, proiettandolo in ambiti molto più grandiosi del lago della tua esistenza. Così anche tu hai preso il largo. 

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech